Hotel Gargano Baia dei Mergoli

Gargano


garganoL’Hotel Baia dei Mergoli
è raggiungibile percorrendo la strada provinciale che da Mattinata porta a Vieste; resterete affascinati da panorami mozzafiato tra scogliere a picco su un mare cristallino e insenature magiche. L’hotel si trova precisamente a Baia delle Zagare, in provincia di Foggia, ed è il punto di riferimento ideale per tutti coloro che desiderano trascorrere una vacanza tra il mare, la natura e visitare le principali località della Puglia garganica. Il Gargano, noto anche come lo “Sperone d’Italia”, non è soltanto meta di itinerari costieri ma anche di turismo storico-culturale, religioso, enogastronomico, folkloristico e sportivo. Questo piccolo promontorio è una subregione dell’Italia , si estende lungo il versante settentrionale della Puglia e corrisponde alla parte orientale della Provincia di Foggia. È interamente circondato dal Mare Adriatico, tranne ad ovest dove confina con il Tavoliere.

 

Baia delle Zagare

Baia dei Mergoli ,conosciuta anche come Baia delle Zagare,si trova tra Mattinata e Vieste, incastonata come una perla su un tratto di costa selvaggia e incontaminata su cui si alternano splendidebaia spiagge, romantiche baie, grotte e scogliere a strapiombo su un mare cristallino. Baia dei ” Mergoli”(dal nome dialettale dei Merli) è divenuta a ragione, l’icona del turismo nel Gargano in quanto dichiarata l’angolo più suggestivo. Le spiagge della Baia, dai bianchi ciottoli, sono due, l’una accanto all’altra, divise da un’alta falesia calcarea. Sono lunghe quasi un chilometro, bagnate da un mare trasparente e cristallino su cui si stagliano alte pareti rocciose ricoperte da tipiche vegetazioni: Pini mediterranei ,selvaggi cespugli di Mirto e tipiche piante di capperi dagli arbusti ricadenti e dai fiori di una bellezza emozionante .Completano questo scenario magico i bianchi faraglioni che si levano alti nel mare, a pochi metri dalla riva: l’Arco Magico, detto anche Arco di Diomede, e Le Forbici, che insieme sono una delle bellezze più fotografate della Puglia. In primavera e in autunno, questo piccolo angolo di paradiso è invaso dal profumo delle zagare, i fiori di arancio cui deve il nome. Nelle vicinanze della suggestiva Baia delle Zagare, meritano una visita la spiaggia di Mattinata, a 2 km dal centro abitato, poi, verso Vieste, la baia di Mattinatella, con sabbia e ghiaia, circondata da alte rocce, la spiaggia di Vignanotica dai suoi piccoli sassi levigati ed ancora, per gli amanti della privacy, una serie innumerevole di piccole e romantiche spiaggette a cui approdare dal mare.

Mattinata

mattinata

Sicuramente Mattinata è uno dei luoghi più interessanti del Gargano grazie anche alle acque cristalline del mare. In una distesa di uliveti, mandorli e fichi d’india degradanti verso il mare sorge il bianchissimo paese di Mattinata. Derivata dall’antica Matinum, è edificata a strati e gradoni ricavati dalla roccia su due colline, Castellacelo e Coppa della Madonna. La circondano il Monte Sacro, noto nell’antichità come Monte Dodoneo, ed il Monte Saraceno … Continua a leggere

 

San Giovanni Rotondo – Padre Pio da Pietralcina

sangiovanni

Chi pensa a San Giovanni Rotondo come a un piccolo paese di montagna, reso celebre dalla presenza delle Opere di Padre Pio, si sbaglia di grosso. San Giovanni Rotondo è oggi uno dei centri più grandi dell’intera provincia, grazie a un espansione edilizia senza precedenti che le ha consentito di divenire in pochi anni l’epicentro turistico ed economico del Gargano e dell’area compresa tra Manfredonia e San Severo.  Continua a leggere

 

San Michele – Grotte

sanmichele

Fu eretto da Carlo I d’Angiò come ringraziamento a San Michele per la conquista dell’Italia meridionale. I lavori ebbero inizio il 27 marzo 1274. La torre, progettata dall’architetto Giordano, di Monte Sant’Angelo, che diresse i lavori insieme con suo fratello Maraldo, è a forma ottagonale e fu completata nel 1282 con un’altezza originaria di 40 metri. In seguito, fu ridotta agli attuali 27 metri (probabilmente a causa di un fulmine o per collocarvi più agevolmente le campane)

Foresta Umbra

umbra

Tra le rocce solitarie dell’entroterra garganico, i boschi, perpetuatisi immutati nel tempo e nei secoli, hanno un tale rigoglio di vegetazione da non trovare facile confronto: sono alberi enormi che lanciano ad altezza impressionanti il folto groviglio dei rami dal quale la luce del giorno filtra a fatica e si affiochisce in una tenuita’ di crepuscolo quando il sole non riesce a farsi strada tra le foglie.

 

Peschici

peschici

Vieste è la città situata più ad est dell’intero Promontorio del Gargano, in posizione isolata rispetto agli altri centri garganici, motivo che le ha attribuito in passato la denominazione “La Sperduta”. Nonostante questo isolamento da vie di facile accesso, negli ultimi decenni la cittadina si è notevolmente sviluppata, valorizzando il proprio volto turistico fino a diventare meta privilegiata per i turisti in vacanza sul Gargano.

Rodi Garganico

rodi

Rodi Garganico è oggi apprezzata meta balneare, dotata di accoglienti strutture ricettive e di un moderno e funzionale complesso residenziale in località Lido del Sole. Dispone di un porto che le assicura collegamenti con le Isole Tremiti e scambi con le dirimpettaie coste dalmate. L’economia si basa sul turismo, sulla pesca e sull’agricoltura, in particolare di arance e limoni. Da visitare il Santuario della Madonna della Libera e il Convento dei Cappuccini sulla strada per  San Giovanni Rotondo.

Isole tremiti

tremiti

Chi ama il mare non può non andare almeno una volta nella vita alle Isole Tremiti. La posizione limite che la contraddistingue ne esalta il suo fascino. Fascino derivante dalle acque blu e profonde dell’Adriatico che le circonda. La bellezza e il carattere incontaminato dei paesaggi, uniti alla limpidezza delle acque hanno consentito a questo arcipelago di conquistare la denominazione di “Perla dell’Adriatico“.

Vico del Gargano

vico

Soprannominato il “paese dell’amore”, Vico del Gargano è uno dei comuni tra “I Borghi più belli d’Italia”. La sua origine è antichissima; ne è testimonianza la scoperta di insediamenti preistorici nei pressi della Foresta Umbra e del sito di una necropoli dell’età del ferro su una collina, chiamata Tabor, da cui secondo la tradizione si sarebbe sviluppato il centro abitato. Fu colonia di Slavi venuti dalle coste orientali dell’Adriatico, che si mescolarono ai residenti nel centro fortificato che fu chiamato vicus, cioè “gruppo di case, villaggio”.

Gargano ultima modifica: 2016-03-14T00:49:04+00:00 da webadimark